Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi e contenuti personalizzati. Approfondisci

Laboratorio Interculturale 2: "La città plurale"

La città plurale: tra nuove identità urbane e diritti di cittadinanza

Il progetto “La città plurale: tra nuove identità urbane e diritti di cittadinanza.”, in continuità con il precedente “Siamo tutti migranti”, nasce con l’intento di avviare un percorso di educazione alla cittadinanza interculturale, al fine di contribuire a formare cittadini attivi e consapevoli e promuovere una cultura dell’accoglienza, della solidarietà e della convivenza nel rispetto delle differenze. La costruzione e la condivisione di valori che tengano conto della pluralità dei punti di vista diviene istanza pedagogica all’interno di una scuola e di una comunità che si profila sempre più multietnica. L'educazione alla con-cittadinanza, intesa come educazione al rispetto dei diritti fondamentali dell'uomo e dei diritti inviolabili della persona, favorisce il senso di appartenenza universale, di cui ormai da tempo anche l'Unione Europea si è resa promotrice (vedi documento del Consiglio d'Europa).

Obiettivi

Gli obiettivi del progetto sono i seguenti:

  • promuovere atteggiamenti di ascolto e dialogo
  • educare alla partecipazione e alla socialità
  • acquisire valori di cooperazione, collaborazione, assunzione di responsabilità, rispetto
  • acquisire consapevolezza dell’uguaglianza dei diritti e dei doveri
  • educare alle diverse dimensioni della cittadinanza: locale, nazionale, europea, mondiale
  • favorire l’esercizio della cittadinanza attiva

Metodologia

Si privilegerà una metodologia attiva e partecipativa attraverso tecniche quali il brainstorming, le attività di warm up, i giochi di ruolo, le simulazioni, la visione di video, blog, siti Internet, l'ascolto di testimonianze reali.

 

Il percorso si articola in 4/5 incontri di circa 2 ore ciascuno, oltre alla realizzazione di una mostra del materiale prodotto da esporre a scuola.